IL POLI

Sapevi che il Politecnico di Torino è il più antico d’Italia? E che studiando Architettura a Torino potresti fare lezione in un vero castello, il Castello del Valentino? O ancora, che la prima donna laureata in Ingegneria in Italia ha conseguito il titolo proprio nel nostro ateneo?

La storia del Politecnico di Torino (PoliTO per chi lo frequenta e lo vive ogni giorno) è ormai lunga più di 160 anni, e attraversa tutte le fasi dello sviluppo socio-economico del nostro Paese. L’ateneo è nato nel 1859 dalla Scuola di Applicazione per gli Ingegneri e dal Museo Industriale Italiano, che divennero Regio Politecnico di Torino nel 1906. Sul modello delle grandi scuole politecniche europee, il Regio Politecnico di Torino si mosse in più direzioni intessendo relazioni sia con il mondo scientifico europeo, sia con l’industria locale e nazionale, con il contributo di illustri docenti e ricercatori, come Galileo Ferraris o, più avanti, Carlo Mollino.

Sede storica del Politecnico è la residenza sabauda del Valentino. Nel novembre del 1958 venne inaugurato il grande complesso di corso Duca degli Abruzzi, successivamente ingrandito con l’espansione della Cittadella Politecnica, campus dove convivono aule e laboratori, formazione, ricerca e servizi alla città e alle aziende e sede di laboratori di ricerca di grandi gruppi industriali e di start up di successo.

Il Politecnico di Torino è diventato sempre più una scuola internazionale, in cui tradizione e futuro, passato e modernità si intrecciano. Oggi l’ateneo è accreditato dai ranking internazionali come una delle principali università tecniche in Europa, con circa 36.000 studenti, il 16% dei quali sono stranieri, provenienti da oltre 100 paesi.

Al Politecnico, formazione e ricerca nei campi dell’Ingegneria, Architettura, Design e Pianificazione si integrano e fanno sistema per fornire una risposta concreta alle esigenze degli studenti in un’ottica di forte internazionalizzazione delle attività didattiche, di ricerca e di trasferimento tecnologico. Collaborazioni con le migliori università e centri di ricerca nel mondo, accordi e contratti con i grandi gruppi industriali internazionali garantiscono ai nostri laureati occasioni di inserimento nel mondo del lavoro: 9 laureati magistrali su 10 lavorano a un anno dal conseguimento del titolo, con contratti più stabili e meglio retribuiti della media dei laureati italiani (fonte: AlmaLaurea).

Formarsi al PoliTO significa dotarsi di quelle competenze necessarie ad affrontare i cambiamenti e contribuire a risolvere i problemi più pressanti e gli interrogativi aperti dai tempi che stiamo vivendo. Questo anche grazie alla condivisione con la società degli importanti risultati ottenuti dalla ricerca e la valorizzazione delle attività culturali, sempre più cuore di un ateneo che vuole essere centro di una formazione politecnica che significa ricerca e tecnologia, ma anche cultura: letteratura, arte, musica, cinema e molto altro ancora, in un’ottica sempre più multidisciplinare e aperta.

Ecco chi siamo e dove vogliamo arrivare, nelle parole di presentazione del Rettore per il lancio del Piano strategico per l’Ateneo nei prossimi anni:

Il Politecnico a colpo d'occhio +

Più di 35.000 iscritti, 53 corsi di laurea di I e II livello nell’area dell’Ingegneria, dell’Architettura, del Design e della Pianificazione, 23 percorsi completamente in inglese.

Scopri tutti i numeri del Politecnico
Sedi +
Le sedi
Politour 2D
Il castello del Valentino